EDITORIALE

Rieccoci, un nuovo mese e tante nuove notizie da condividere insieme.
Questo primo periodo è trascorso davvero velocemente ed è stato anche molto impegnativo, tuttavia siamo soddisfatti sia di questi mesi iniziali di scuola, trascorsi in presenza, sia di questa nuova avventura, il nostro giornalino, ovvero News Media Paper!
Lo scorso mese ci siamo soffermati su svariati argomenti, dal Rinascimento, a Boccaccio fino a fatti di attualità riguardanti il mondo dei giovani e più in particolare il mondo della musica e delle serie tv. Questo mese ugualmente vi coinvolgeremo con novità riguardanti la storia passata, il mondo presente e magari anche qualche curiosità sulle innovazioni che ci riserva il futuro.
Il nostro obiettivo principale è come sempre quello di coinvolgere il lettore e farlo appassionare agli argomenti che trattiamo con grande cura ogni settimana.
Annalisa Andrenacci 2^ C

Count per Day

  • 150252Totale letture:
  • 3Letture odierne:
  • 11Letture di ieri:
  • 88Letture scorsa settimana:
  • 240Letture scorso mese:
  • 66598Totale visitatori:
  • 3Oggi:
  • 63La scorsa settimana:

Victoria in Ungheria

10387544_10152764930753077_5985727820381202148_nLa nostra avventura è iniziata dentro ad un pullman diretto in Ungheria per il “Pityke Cup”, un torneo internazionale di basket tra i più importanti in Europa, che si è giocato vicino Budapest dal 29 ottobre al 2 novembre.

Il pensiero era costantemente rivolto alla prima partita in programma, conclusasi poi con un trionfo. Il nostro allenatore, Marco Marilungo, si è detto soddisfatto di noi e ci ha portati a mangiare in un ristorante.

Al ritorno in palestra abbiamo giocato subito un’altra partita. Prima di iniziare eravamo molto emozionati, perché dovevamo affrontare una squadra fortissima chiamata MAFC, ma alla fine…abbiamo riportato un’altra vittoria schiacciante!

Il giorno successivo ci toccava un’impresa difficile, perché dovevamo sfidare la squadra che giocava in casa, il PITYKE KSE. I nostri avversari erano formidabili e  avevano un gioco che nessuno batteva, ma quando siamo arrivati noi ci sono rimasti male perché … li abbiamo messi al tappeto!

In quella partita abbiamo dato il massimo e ci siamo sforzati di vincere. Ci siamo riusciti e abbiamo fatto salti di gioia, perché eravamo in semifinale e anche quella sapevamo che sarebbe stata una partita che ci avrebbe richiesto molti sacrifici.

In semifinale abbiamo incontrato una squadra che si chiamava FERENCVAROS. All’ inizio stavamo perdendo di otto punti, ma dopo ci siamo rifatti e abbiamo rimontato, portando a termine una partita durissima che alla fine abbiamo vinto. Dopo questo trionfo siamo partiti per Budapest, la capitale dell’Ungheria: una città stupenda. Abbiamo visto diversi monumenti tra cui il Castello di Dracula, che faceva veramente paura ma che ci è sembrato bellissimo perché sovrastato da una nebbiolina che lo rendeva particolarmente suggestivo. La via Vàci è la via principale per lo shopping, il luogo d’appuntamento preferito dai turisti; è movimentata giorno e notte. Budapest è la città della acque. In piazza Vörösmarty, sempre nel centro-città, le fontane spengono la sete dei turisti; qui, nella pasticceria Gerbaud, si danno appuntamento gli amanti dei dolci. La cosa che ci ha colpito di più è stato il panorama, che abbiamo visto dal palazzo imperiale: sembrava di stare in paradiso!

Tornati da Budapest ci aspettava la finale, una partita piena di emozioni e di sentimenti che  a stento riuscivi a controllare. All’inizio eravamo tutti molto preoccupati , ma dopo abbiamo iniziato a giocare e, ripreso il controllo, grazie al tifo e incoraggiati dai nostri amici, che ci rendevano più carichi per ottenere la vittoria,  alla fine abbiamo perso di soli tre punti.

Certo, in quel momento abbiamo provato un gran dispiacere per tutta la squadra, però crediamo di aver giocato bene e di aver potuto contare sull’aiuto dei compagni. Alla fine il nostro allenatore è stato molto contento e anche soddisfatto di noi e noi lo siamo stati di lui. È stata un’esperienza straordinaria che ha unito la nostra passione per lo sport alla possibilità di farci conoscere ragazzi di altre nazioni e luoghi splendidi.

 Cristina Ruggeri (1^C) e Francesco Fortuna (1^A)

5 comments to Victoria in Ungheria

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>