EDITORIALE

Rieccoci, un nuovo mese e tante nuove notizie da condividere insieme.
Questo primo periodo è trascorso davvero velocemente ed è stato anche molto impegnativo, tuttavia siamo soddisfatti sia di questi mesi iniziali di scuola, trascorsi in presenza, sia di questa nuova avventura, il nostro giornalino, ovvero News Media Paper!
Lo scorso mese ci siamo soffermati su svariati argomenti, dal Rinascimento, a Boccaccio fino a fatti di attualità riguardanti il mondo dei giovani e più in particolare il mondo della musica e delle serie tv. Questo mese ugualmente vi coinvolgeremo con novità riguardanti la storia passata, il mondo presente e magari anche qualche curiosità sulle innovazioni che ci riserva il futuro.
Il nostro obiettivo principale è come sempre quello di coinvolgere il lettore e farlo appassionare agli argomenti che trattiamo con grande cura ogni settimana.
Annalisa Andrenacci 2^ C

Count per Day

  • 150252Totale letture:
  • 3Letture odierne:
  • 11Letture di ieri:
  • 88Letture scorsa settimana:
  • 240Letture scorso mese:
  • 66598Totale visitatori:
  • 3Oggi:
  • 63La scorsa settimana:

Uomini in trappola

Giovedì 15 maggio 2014 la Turchia ha vissuto un tragico avvenimento: 787 minatori sono rimasti coinvolti nel crollo dei tunnel sotterranei di una miniera.

I lavoratori si trovavano a 400 metri di profondità quando lo scoppio di un violento incendio ha provocato il crollo delle vie d’accesso alla miniera.

Dei minatori vittime dell’incidente, la metà è stata tratta in salvo, anche se alcuni hanno riportato gravi ferite, mentre per altri non c’è stato nulla da fare e per molti, ancora sotto terra, le possibilità di essre ritrovati vivi sono praticamente nulle.

Fra le vittime c’è anche un ragazzo di 15 anni, troppo piccolo per un lavoro del genere, anche se a scuola ho imparato che lo sfruttamento minorile è un fenomeno ancora molto diffuso.

Ora i minatori hanno trovato il coraggio di parlare e di denunciare le difficili e precarie condizioni in cui lavorano: nessuna norma di sicurezza viene rispettata ed anche l’equipaggiamento è inadatto e incompleto.

Sono questi i motivi che hanno scatenato la rabbia delle famiglie delle vittime verso i responsabili di queste mancanze, rabbia che si è scagliata, attraverso calci e pugni, contro le 14 auto del corteo presidenziale e si è concretizzata in una raffica di grida e di insulti contro lo stesso Primo Ministro Erdogan.

Sono del parere che nel 2014 non è più possibile accettare il fatto che dei lavoratori vengano trattati come animali da soma, senza poter rivendicare il diritto ad un’occupazione dignitosa e sicura; in particolare, non si può non sentirsi indignati apprendendo che per 400 dollari al mese la gente muore sul posto di lavoro.

                             Andrea Santini (3^ C)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>