EDITORIALE

Questo periodo dell’anno rappresenta un momento molto importante per noi alunni delle classi terze, infatti ci troviamo a compiere per la prima volta una scelta decisiva per il nostro futuro: individuare la scuola superiore in cui coltivare e portare avanti i nostri sogni e progetti, diventando dei giovani preparati e responsabili. Ovviamente, non per tutti è facile comprendere fin da subito quello che piace veramente svolgere nella vita, infatti solo pochi privilegiati lo sanno fin da piccoli ed hanno un proprio sogno da realizzare. E’ una scelta determinata da molti fattori e, grazie all’attività di orientamento proposta dalla nostra scuola, abbiamo scoperto meglio i nostri interessi, spesso molto diversi da quelli che erano i nostri sogni e desideri vissuti da piccoli. A scuola ci sono stati offerti degli incontri con un’ orientatrice che, oltre ai test con le crocette, ci ha fatto svolgere delle attività volte ad una maggiore conoscenza di noi stessi. Queste ultime ci hanno fatto capire i nostri interessi e i nostri talenti. In base a questo percorso, abbiamo compreso che i consigli dati dai professori o dai nostri genitori e soprattutto la scelta fatta dagli amici non ci devono influenzare o comunque possono servire, ma soltanto ragionando con la nostra mente ed in modo assolutamente autonomo. L’orientamento ci ha fatto capire che la scelta della scuola è qualcosa che oggi si può definire solo in parte e dobbiamo ancora lavorare sodo su noi stessi, poiché il nostro percorso di crescita non avrà mai fine. Anche dopo aver terminato la scuola, indipendentemente dal percorso che scegliamo e dal lavoro che intraprendiamo, dobbiamo continuare a conoscere noi stessi per migliorare le nostre capacità. Ci ritroveremo in un istituto nuovo, con facce sconosciute e perciò dovremo ricominciare tutto da capo: in fondo ogni inizio è esaltante, ma allo stesso tempo ci trasmette ansia e paura. É come iniziare una nuova vita nella quale molte volte è difficile integrarsi con il gruppo classe, soprattutto per le persone timide. La scuola media è il passaggio dall’essere un bambino a un adolescente. Speriamo che ognuno alunno trovi davvero la scuola adatta a sé stesso e che nei prossimi anni riesca ad abituarsi ad ogni tipo di cambiamento.

       Samije Muaremi 3^C

Count per Day

  • 159066Totale letture:
  • 12Letture odierne:
  • 101Letture di ieri:
  • 567Letture scorsa settimana:
  • 351Letture scorso mese:
  • 72249Totale visitatori:
  • 7Oggi:
  • 324La scorsa settimana:

Un vaccino letale?

images7EBGE13OHanno toccato quota 11 le persone morte, in varie zone d’Italia, dopo essersi sottoposte al vaccino anti-influenzale FLUAD, dell’importante azienda farmaceutica NOVARTIS. Il Ministero ha deciso di istituire il 1500, un numero per il pubblico in grado di fornire alla gente tutte le informazioni necessarie riguardanti l’uso di questo vaccino .

I casi sospetti sono stati registrati nella capitale, Roma, con la morte di due anziani di 92 e 77 anni. Qui il procuratore,  Leonardo Frisani, ha deciso di aprire un’inchiesta per omicidio colposo e di eseguire l’autopsia sui corpi affidando le indagini ai NAS, un nucleo operativo dell’Arma dei Carabinieri.

Terza segnalazione a Parma, dove l’ASL ha deciso di segnalare al ministero un caso anomalo: un 80enne, affetto da grave patologia clinica, dopo essersi vaccinato, è morto. Altri casi sono successi a Prato, Como, Martano (in Puglia), Termoli (in Molise) e infine altre due casi in Sicilia.

I lotti “a rischio”, a quanto pare, sono stati distribuiti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sicilia, Sardegna, Toscana. Altro elemento preoccupante è che sono stati ben 60 mila i toscani, compresi bambini e ragazzi, che sono stati sottoposti a vaccini da lotti “sospetti”.

Ultimo caso è in Umbria, dove un anziano di 83 anni di Spoleto, dopo essere stato sottoposto alla vaccinazione, è deceduto.

Spesso, in questi giorni, dopo tutti questi casi, il Ministero e la Presidenza del Consiglio dei ministri ci invitano a mantenere la calma e ripetono la formula “niente allarmismi”. Ma come si fa a non essere preoccupati dopo che tante persone che hanno fatto la vaccinazione sono morte?

                                                            CALCINARI FRANCESCO –  2D

1 comment to Un vaccino letale?

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>