EDITORIALE

Rieccoci, un nuovo mese e tante nuove notizie da condividere insieme.
Questo primo periodo è trascorso davvero velocemente ed è stato anche molto impegnativo, tuttavia siamo soddisfatti sia di questi mesi iniziali di scuola, trascorsi in presenza, sia di questa nuova avventura, il nostro giornalino, ovvero News Media Paper!
Lo scorso mese ci siamo soffermati su svariati argomenti, dal Rinascimento, a Boccaccio fino a fatti di attualità riguardanti il mondo dei giovani e più in particolare il mondo della musica e delle serie tv. Questo mese ugualmente vi coinvolgeremo con novità riguardanti la storia passata, il mondo presente e magari anche qualche curiosità sulle innovazioni che ci riserva il futuro.
Il nostro obiettivo principale è come sempre quello di coinvolgere il lettore e farlo appassionare agli argomenti che trattiamo con grande cura ogni settimana.
Annalisa Andrenacci 2^ C

Count per Day

  • 150252Totale letture:
  • 3Letture odierne:
  • 11Letture di ieri:
  • 88Letture scorsa settimana:
  • 240Letture scorso mese:
  • 66598Totale visitatori:
  • 3Oggi:
  • 63La scorsa settimana:

Pillole di storia: l’URSS

di Diego Valeriani, Mattia Cipolletti e Shewon Culathunga

Abbiamo voluto parlare dell’URSS a causa  della guerra che si sta svolgendo in Ucraina.


Sappiamo che uno degli obiettivi di Putin, il capo del Cremlino, è probabilmente quello di rifondare l’Unione delle repubbliche socialiste sovietiche, riconquistando i territori che prima appartenevano al paese.
L’URSS nasce nel dicembre del 1922 dalle ceneri dell’impero russo dopo la guerra civile russa e si sciolse ufficialmente il 26 dicembre 1991.
Trae origine dal partito comunista di Vladimir Lenin che per vendicare il fratello ucciso dallo zar Nicola II dei Romanov e della guerra contro il Giappone persa per colpa dello zar Nicola II si ribella e crea una fazione, quella dei bolscevichi per creare una rivolta.
Vinta la rivoluzione russa, nasce l’Unione Sovietica che ha come obiettivo l’espansione in tutta Europa.
L’URSS ha inizio con  Lenin che governa per poco tempo perché morirà di emorragia cerebrale nel 1924. Dopo la sua morte, subentrerà come capo di stato e dittatore a tutti gli effetti, Stalin che governerà per ben 30 anni.
Nel 1954, una decina di anni dopo la fine del secondo conflitto mondiale, ha inizio la guerra fredda tra America e URSS.
Questo periodo di continuo rischio di una guerra nucleare tra le due super potenze, ha termine con la caduta del muro di Berlino e dei regimi comunisti dell’Est Europa.

Diego Valeriani, Mattia Cipolletti e Shewon Culathunga 2^C

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>