EDITORIALE

Rieccoci, un nuovo mese e tante nuove notizie da condividere insieme.
Questo primo periodo è trascorso davvero velocemente ed è stato anche molto impegnativo, tuttavia siamo soddisfatti sia di questi mesi iniziali di scuola, trascorsi in presenza, sia di questa nuova avventura, il nostro giornalino, ovvero News Media Paper!
Lo scorso mese ci siamo soffermati su svariati argomenti, dal Rinascimento, a Boccaccio fino a fatti di attualità riguardanti il mondo dei giovani e più in particolare il mondo della musica e delle serie tv. Questo mese ugualmente vi coinvolgeremo con novità riguardanti la storia passata, il mondo presente e magari anche qualche curiosità sulle innovazioni che ci riserva il futuro.
Il nostro obiettivo principale è come sempre quello di coinvolgere il lettore e farlo appassionare agli argomenti che trattiamo con grande cura ogni settimana.
Annalisa Andrenacci 2^ C

Count per Day

  • 150252Totale letture:
  • 3Letture odierne:
  • 11Letture di ieri:
  • 88Letture scorsa settimana:
  • 240Letture scorso mese:
  • 66598Totale visitatori:
  • 3Oggi:
  • 63La scorsa settimana:

Maltempo, emergenza nel sud Italia

di Andrea Aiello

Ormai il sud Italia è in ginocchio di fronte al maltempo che negli ultimi giorni lo sta colpendo. Tanti e troppi ormai sono gli eventi estremi registrati negli ultimi giorni: bombe d’acqua, grandinate e perfino trombe d’aria hanno causato vittime, allagato campi distruggendo i raccolti e facendo strage di animali. È la natura che si ribella a ciò che le stiamo facendo, alle ferite che le provochiamo. E adesso possiamo vedere con i nostri occhi il risultato del nostro operato.

Una serie di eventi conferma e accresce il tragico record annuale di disastri estremi legati al maltempo. Inoltre, le conseguenze economiche nel settore dell’agricoltura trascendono la perdita del raccolto: numerosi anche i danni strutturali destinati a durare nel tempo come le piante da frutto sradicate dalle correnti, i capannoni delle stalle scoperchiate e le recinzioni divelte.

Siamo di fronte alle conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Italia dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma. Questa situazione devastante fa parte della nostra quotidianità, ma nessuno si preoccupa di risolvere il problema del cambiamento climatico o  del dissesto idrogeologico nel nostro territorio nazionale:  frane e alluvioni  ormai avvengono dappertutto e sempre più frequentemente. Questo problema non si trasformerà  mai in  un’emergenza finché le persone non vedranno con i loro occhi le conseguenze dei cambiamenti climatici. Un piccolo gruppo pronto a combattere per la salvaguardia del nostro Pianeta non basta, ma se tutti quanti collaborassimo potremmo fare la differenza. Guardiamoci dentro per capire che il cambiamento parte da tutti noi, da ogni singola azione che facciamo.

Andrea Aiello 3^A


Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>