logo

EDITORIALE

Si ricomincia!
Siamo pronti per trascorrere un nuovo anno scolastico tutti insieme e, quando dico tutti insieme, … intendo proprio tutti!
Anche per l’anno scolastico 2017-2018 si sono aperte di nuovo le braccia della Scuola Primaria Don Lorenzo Milani per accogliere tutti i suoi figli, i piccoli si sa, e noi, i grandi!
Se gli spazi per i piccoli sono veramente ristretti, che dire di noi che a malapena “entriamo nei banchi”? A volte dobbiamo fare qualche piccola rinuncia, però al giornalino non vogliamo rinunciare!
Il nostro giornalino sta proprio a ribadire che la Scuola Media Giacomo Leopardi va avanti come sempre, più forte di prima. Vogliamo ripartire valorizzando questa iniziativa con una nuova veste grafica e modificando alcune categorie che ci sembravano non aver incontrato l’interesse dei nostri lettori.
Ad ogni categoria è associato un logo ed era necessario idearne 4 nuovi che sostituissero le icone precedenti.
Questo compito è stato affidato ai ragazzi delle classi prime i quali si sono impegnati al massimo. Sono state scelte le proposte dei seguenti alunni:
1^A Diomedi Elena per il logo n.6 (Categoria: Scendiamo in campo)
1^B Petrini Chantal per il logo n. 7 (Categoria: Mi piace ascoltare…)
1^C Giulia Cicchini per il logo n.2 (Categoria: Alunni in azione)
1^D Malintoppi Alice per il logo n.8 (Categoria: Si parte!)
Ci congratuliamo per la creatività che hanno dimostrato, regalando al giornalino una nota di colore e vivacità.
Ora abbiamo veramente tante rubriche, nelle quali possiamo inserire i nostri commenti, le opinioni, le passioni di noi ragazzi, ciò che abbiamo fatto a scuola e vogliamo condividere, e tanto altro… insomma, se vogliamo spazio per scrivere ce n’è, per tutti.
Vi presento subito i miei stimabili “colleghi”, i caporedattori, quelli che hanno il compito di raccogliere gli articoli che vorrete scrivere e di aiutarvi in questa entusiasmante esperienza: Del Prete Christelle, Postacchini Luca, Armini Ciro, Maddalena Desirè Giusi, Tirabassi Sabrina, Cicchini Giulia, Fabi Diego, Smerilli Mirco, Malintoppi Alice, De Santis Martina.
E … ora sì … siamo veramente pronti!
Buon inizio a tutti noi!
Cecilia Vesprini

Attualmente

attualmente

Alunni in azione

alunni in azione

Vi racconto

vi_racconto

Le prime rime

le_prime_rime

Piccoli grandi lettori

piccoli_grandi_lettori

Scendiamo in campo

Mi piace ascoltare

mi piace ascoltare

Si parte!

si parte

Ridiamoci su

ridiamoci_su

L’orco tra i banchi

ogre-1524018_960_720

Un torbido scenario si consumava in un scuola media di Ancona dove un collaboratore scolastico, 50enne del posto, è stato accusato di aver compiuto atti sessuali su ragazze minorenni. L’uomo si offriva di accompagnare le adolescenti in uno stanzino dell’istituto dove le corteggiava mettendo le proprie mani sul corpo delle vittime.

Le giovani non hanno mai avuto il coraggio di riferire quanto accaduto ai propri genitori fino a quando una di loro ha raccontato alcuni episodi che si erano verificati a scuola. Sono state trovate delle registrazioni che hanno documentato inequivocabilmente come il bidello molestasse le giovani alunne.

Grazie all’intervento dei carabinieri oggi l’uomo si trova agli arresti domiciliari. Considerando che il fatto accaduto coinvolge dei minori, bisognerebbe cercare di evitare che ciò si ripeta e per questo consigliamo in primo luogo di confidarsi sempre con i genitori, pronti a difendere i propri figli ed eventualmente a denunciare chi rappresenta un pericolo per loro.

Un’altra soluzione per rendere più sicure le scuole e gli ambienti frequentati dai minori potrebbe essere quella di servirsi di dispositivi tecnologici in grado di assicurare una maggiore sorveglianza.

Noi alunni, leggendo simili notizie sui giornali, siamo disorientati: se la scuola non è più il luogo dove si impara a rispettare le regole, non sappiamo più dove trovare esempi e modelli da seguire.

 

Sara Ottavi, Emanuele Tarquini, Luca Venanzi (3^C)

Lascia un commento

  

  

  

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>