EDITORIALE

Rieccoci, un nuovo mese e tante nuove notizie da condividere insieme.
Questo primo periodo è trascorso davvero velocemente ed è stato anche molto impegnativo, tuttavia siamo soddisfatti sia di questi mesi iniziali di scuola, trascorsi in presenza, sia di questa nuova avventura, il nostro giornalino, ovvero News Media Paper!
Lo scorso mese ci siamo soffermati su svariati argomenti, dal Rinascimento, a Boccaccio fino a fatti di attualità riguardanti il mondo dei giovani e più in particolare il mondo della musica e delle serie tv. Questo mese ugualmente vi coinvolgeremo con novità riguardanti la storia passata, il mondo presente e magari anche qualche curiosità sulle innovazioni che ci riserva il futuro.
Il nostro obiettivo principale è come sempre quello di coinvolgere il lettore e farlo appassionare agli argomenti che trattiamo con grande cura ogni settimana.
Annalisa Andrenacci 2^ C

Count per Day

  • 150252Totale letture:
  • 3Letture odierne:
  • 11Letture di ieri:
  • 88Letture scorsa settimana:
  • 240Letture scorso mese:
  • 66598Totale visitatori:
  • 3Oggi:
  • 63La scorsa settimana:

Intervista “impossibile” ad Elisabetta I

di Lorenzo Melfi

In questa intervista ho deciso di porre delle domande “virtuali” ad Elisabetta I, monarca inglese dal 1558 al 1603. Questa “lady di ferro” ha condotto la Gran Bretagna ad una situazione  di grande splendore, ponendo le basi dell’egemonia britannica in quel remoto periodo storico.

Sua eccellenza illustrissima, tutti conosciamo gli aspetti straordinari che hanno caratterizzato la sua esistenza. Potrebbe dirci qual è stato il segreto del suo successo in un mondo completamente al maschile? Posso dire che la vita a palazzo per me, soprattutto da giovane, non è mai stata facile! Infatti, mio padre, Enrico VIII avrebbe voluto un erede maschio e non di certo un’altra figlia da dare in sposa ad un nobile. Così deluso ed amareggiato, ha deciso di isolarmi per lungo tempo in un appartamento della nostra enorme reggia. In quel periodo non potevo neanche contare sull’affetto di mia madre, uccisa da mio padre stesso!

Nonostante questa situazione così tragica, in che modo è riuscita a realizzare il suo sogno di diventare regina?Mi ha aiutato molto il fatto di essere istruita alla pari di un uomo e lo studio delle lingue straniere, cosa che consiglio fortemente ai giovani . In questo modo sono riuscita ad affermare sia la mia grande personalità che i diritti in fatto di successione dinastica. Così all’età di venticinque anni sono salita al trono.

Sappiamo che non ha mai voluto crearsi una famiglia. A cosa è dovuta la scelta di non sposarsi? Ho deciso di non sposarmi fin dall’adolescenza: avevo capito bene la sorte di chi essendo donna e al contempo monarca, ha un suo consorte. Nella mia epoca così retrograda e maschilista, avrei dovuto condividere il potere con mio marito. Con un atteggiamento fermo e coerente, facendo rinunce anche dolorose, ho imposto a me stessa ed alla mia famiglia questa scelta.

Quale crede sia stato “ l’ingrediente segreto” del suo successo? Penso di essere stata rispettata e forse amata dai sudditi, perché le mie azioni hanno contribuito al loro benessere economico. Inoltre, in un periodo di grande crisi religiosa, il mio atteggiamento tollerante  è sempre stato apprezzato, infatti non vedevo il popolo come anglicano, cattolico o protestante. Io lo vedevo inglese!

Adesso voglio farle una domanda un po’ scomoda. Come mai la scelta di approvare la pirateria? I mari inglesi nella mia epoca erano infestati dai pirati. Ho pensato che avrei potuto trarre vantaggio da questa anomala situazione: li ho spesso impiegati nell’assalto  delle navi nemiche. Dio solo sa quanto ne abbia tratto profitto a livello economico! Grazie ai corsari ho determinato la fine del dominio spagnolo.

 Crede di aver fatto bene a far uccidere sua cugina Maria Stuart? Purtroppo non avevo scelta, ella, insieme ad alcuni nobili, aveva più volte organizzato complotti contro di me; ho provato a farla imprigionare, ma non è bastato. A quel punto ho dovuto scegliere: o lei o me.

Riesce ad a immaginare un futuro dove le donne hanno le stesse opportunità e gli stessi diritti degli uomini? Sarebbe bellissimo se tutti potessimo vivere secondo principi di parità ed eguaglianza. Consideriamo che la causa della morte di mia madre è dovuta alla credenza secondo cui un re uomo possa essere migliore di una donna; la realtà è che invece io ho fatto meglio di molti regnanti maschi. Ho impedito che iniziassero guerre civili ed ho promosso l’economia, nonché la navigazione. Tutto questo sono riuscita a mantenerlo per ben quarantacinque anni di regno. Posso ritenermi quindi estremamente soddisfatta! Eccellenza è stata molto esaustiva e, grazie a quanto  mi ha rivelato, posso dire di averla conosciuta meglio e di ammirarla tantissimo! Mi auguro che questa sua testimonianza possa essere di buon auspicio per tutte le ragazze di oggi! Che possano avere la sua stessa determinazione nell’affrontare ogni ostacolo posto dalla vita e dalla società.

Alla prossima intervista!

Lorenzo Melfi, 2^C

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>