logo

EDITORIALE

Si ricomincia!
Siamo pronti per trascorrere un nuovo anno scolastico tutti insieme e, quando dico tutti insieme, … intendo proprio tutti!
Anche per l’anno scolastico 2017-2018 si sono aperte di nuovo le braccia della Scuola Primaria Don Lorenzo Milani per accogliere tutti i suoi figli, i piccoli si sa, e noi, i grandi!
Se gli spazi per i piccoli sono veramente ristretti, che dire di noi che a malapena “entriamo nei banchi”? A volte dobbiamo fare qualche piccola rinuncia, però al giornalino non vogliamo rinunciare!
Il nostro giornalino sta proprio a ribadire che la Scuola Media Giacomo Leopardi va avanti come sempre, più forte di prima. Vogliamo ripartire valorizzando questa iniziativa con una nuova veste grafica e modificando alcune categorie che ci sembravano non aver incontrato l’interesse dei nostri lettori.
Ad ogni categoria è associato un logo ed era necessario idearne 4 nuovi che sostituissero le icone precedenti.
Questo compito è stato affidato ai ragazzi delle classi prime i quali si sono impegnati al massimo. Sono state scelte le proposte dei seguenti alunni:
1^A Diomedi Elena per il logo n.6 (Categoria: Scendiamo in campo)
1^B Petrini Chantal per il logo n. 7 (Categoria: Mi piace ascoltare…)
1^C Giulia Cicchini per il logo n.2 (Categoria: Alunni in azione)
1^D Malintoppi Alice per il logo n.8 (Categoria: Si parte!)
Ci congratuliamo per la creatività che hanno dimostrato, regalando al giornalino una nota di colore e vivacità.
Ora abbiamo veramente tante rubriche, nelle quali possiamo inserire i nostri commenti, le opinioni, le passioni di noi ragazzi, ciò che abbiamo fatto a scuola e vogliamo condividere, e tanto altro… insomma, se vogliamo spazio per scrivere ce n’è, per tutti.
Vi presento subito i miei stimabili “colleghi”, i caporedattori, quelli che hanno il compito di raccogliere gli articoli che vorrete scrivere e di aiutarvi in questa entusiasmante esperienza: Del Prete Christelle, Postacchini Luca, Armini Ciro, Maddalena Desirè Giusi, Tirabassi Sabrina, Cicchini Giulia, Fabi Diego, Smerilli Mirco, Malintoppi Alice, De Santis Martina.
E … ora sì … siamo veramente pronti!
Buon inizio a tutti noi!
Cecilia Vesprini

Attualmente

attualmente

Alunni in azione

alunni in azione

Vi racconto

vi_racconto

Le prime rime

le_prime_rime

Piccoli grandi lettori

piccoli_grandi_lettori

Scendiamo in campo

Mi piace ascoltare

mi piace ascoltare

Si parte!

si parte

Ridiamoci su

ridiamoci_su

I quattro (!!) porcellini

thCAVZHD06C’era una volta una famiglia di maiali costituita da sei membri: un papà, una mamma e quattro porcellini.

A quel tempo il cibo scarseggiava, perciò, non potendo più sfamare i propri figli, i genitori a malincuore decisero di farli partire in cerca di una vita migliore.

Durante il viaggio tutto filò liscio e, giunti in un luogo lontano, iniziarono a procurarsi delle provviste.

Un lupo che viveva nelle vicinanze venne a sapere dell’arrivo dei quattro fratelli e ne fu contento perché pensava di farne una scorpacciata.

A questi porcellini venne l’idea di costruire ognuno la propria casa dove vivere.

Il fratello minore pensò di costruirla in paglia, il secondo in legno, il terzo in mattoni e il fratello maggiore in cemento armato con sopra del filo spinato.

Arrivò il giorno in cui il lupo, avendo fame e non avendo niente da mangiare, pensò di fare pranzo con i quattro porcellini.

Arrivò davanti alla casa del fratello minore e chiese al maialino di entrare, ma lui rispose di no.

Il lupo si arrabbiò e soffiò talmente forte che distrusse la casa.

Purtroppo per il lupo il maialino scappò e si rifugiò in quella del secondo  fratello.

Fece così anche con la casa di quest’ultimo, cosicché i due si rifugiarono in quella del terzo fratello.

A questo punto il lupo ingegnosamente prese una ruspa e buttò giù la dimora del terzo, di conseguenza tutti e tre si rifugiarono in quella del fratello maggiore.

Il lupo avanzò senza fermarsi con la solita ruspa  e si scontrò con la casa, che però resistette all’impatto.

Mentre il lupo rimasto a bocca asciutta se ne tornava sconfitto nel bosco, leccandosi le ferite per attutire il dolore e maledicendo l’inventore del cemento armato e del filo spinato, i quattro porcellini cantavano soddisfatti:

- Siam quattro piccoli porcellini, siamo quattro fratellini. Mai nessuno ci mangerà finché insieme noi si starà, trallalero trallallà.   

  Edoardo Anibaldi (1^A)         

3 commenti per I quattro (!!) porcellini

Lascia un commento

  

  

  

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>