EDITORIALE

Rieccoci, un nuovo mese e tante nuove notizie da condividere insieme.
Questo primo periodo è trascorso davvero velocemente ed è stato anche molto impegnativo, tuttavia siamo soddisfatti sia di questi mesi iniziali di scuola, trascorsi in presenza, sia di questa nuova avventura, il nostro giornalino, ovvero News Media Paper!
Lo scorso mese ci siamo soffermati su svariati argomenti, dal Rinascimento, a Boccaccio fino a fatti di attualità riguardanti il mondo dei giovani e più in particolare il mondo della musica e delle serie tv. Questo mese ugualmente vi coinvolgeremo con novità riguardanti la storia passata, il mondo presente e magari anche qualche curiosità sulle innovazioni che ci riserva il futuro.
Il nostro obiettivo principale è come sempre quello di coinvolgere il lettore e farlo appassionare agli argomenti che trattiamo con grande cura ogni settimana.
Annalisa Andrenacci 2^ C

Count per Day

  • 150252Totale letture:
  • 3Letture odierne:
  • 11Letture di ieri:
  • 88Letture scorsa settimana:
  • 240Letture scorso mese:
  • 66598Totale visitatori:
  • 3Oggi:
  • 63La scorsa settimana:

I miracoli della vita

mendicante[1]

Non è uno scherzo e neanche una favola ma solo sorprendente realtà quella che ha come    protagonista un uomo conosciuto da tutti a Falconara perché sostava sempre davanti alla   chiesa di Sant’Antonio per chiedere l’elemosina.

Il suo sogno di una vita migliore si è avverato quest’anno nel momento in cui ha vinto mezzo milione di euro con un “gratta e vinci”.

L’uomo, probabilmente un nordafricano, si è recato nella tabaccheria dove aveva acquistato il biglietto un mese dopo la vincita per sapere come fare per  riscuotere la somma, procedura per lui senz’altro complessa.

Sono contenta che per uno dei tanti “invisibili”, spesso ritenuti persino fastidiosi  quando si avvicinano per mendicare, il destino abbia avuto in serbo una bella sorpresa: non bisogna mai smettere di sperare di fronte alle avversità, ma ricordarsi sempre che la vita è già di per sé un dono prezioso e che, comunque, anche per gli ultimi  le cose possono cambiare.                                                             

                                               Sofia Vesprini 3^A

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>