EDITORIALE

Rieccoci, un nuovo mese e tante nuove notizie da condividere insieme.
Questo primo periodo è trascorso davvero velocemente ed è stato anche molto impegnativo, tuttavia siamo soddisfatti sia di questi mesi iniziali di scuola, trascorsi in presenza, sia di questa nuova avventura, il nostro giornalino, ovvero News Media Paper!
Lo scorso mese ci siamo soffermati su svariati argomenti, dal Rinascimento, a Boccaccio fino a fatti di attualità riguardanti il mondo dei giovani e più in particolare il mondo della musica e delle serie tv. Questo mese ugualmente vi coinvolgeremo con novità riguardanti la storia passata, il mondo presente e magari anche qualche curiosità sulle innovazioni che ci riserva il futuro.
Il nostro obiettivo principale è come sempre quello di coinvolgere il lettore e farlo appassionare agli argomenti che trattiamo con grande cura ogni settimana.
Annalisa Andrenacci 2^ C

Count per Day

  • 150252Totale letture:
  • 3Letture odierne:
  • 11Letture di ieri:
  • 88Letture scorsa settimana:
  • 240Letture scorso mese:
  • 66598Totale visitatori:
  • 3Oggi:
  • 63La scorsa settimana:

Fino a quando la mia stella brillerà

di Luca Biondi

Nel corso del mese di Marzo, ho scelto di leggere la biografia destinata ai ragazzi e scritta da Liliana Segre, un’ ebrea sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti.
E’ stata una lettura molto coinvolgente che mi ha fatto conoscere la tragica realtà della shoah e delle atrocità prodotte dal regime nazista.

Liliana Segre è una bambina che vive a Milano, in seguito alla morte della mamma, viene viziata e coccolata dai nonni a dal padre.  Liliana ama giocare in cortile con le sue amiche  soprattutto con Elda e Delia che abitano nello stesso palazzo.
Lei trascorre anche molto tempo con le sue baby-sitter Susanna e Caterina, mentre durante l’estate va al mare a casa degli zii.
Una sera mentre Liliana cenava, il padre gli disse che non poteva più andare a scuola.
E da quel momento la vita di Liliana si capovolge. Liliana è costretta a cambiare scuola e a non rivedere più le sue amiche.
Il padre per paura decide di trasferirsi in campagna e poi in Svizzera.
Liliana con il padre fanno un lungo viaggio e tante ore di cammino, ma quando arrivano al confine vengono respinti dalle guardie svizzere e arrestati in Italia.
Da questo momento passano da un carcere ad un altro e, nel gennaio del 194,4,vengono de portati nei campi di concentramento. Il viaggio dura una settimana e una volta arrivati donne, uomini e bambini vengono separati ed intere famiglie sono allontanate. La vita nel campo di concentramento è molto dura, ma Liliana ha voglia di vivere e riesce a superare numerosi pericoli. Finalmente a maggio del 1945 le truppe americane aprono i cancelli e Liliana può finalmente iniziare una nuova vita.
Liliana, dopo la liberazione, è cambiata tanto e non riesce più a dare fiducia al prossimo, finché non incontra Alfredo, il suo futuro marito.
Il libro mi è piaciuto molto perché racconta la verità sulla guerra attraverso lo sguardo di una bambina. Consiglio la lettura di questo romanzo a tutti i ragazzi delle medie e non solo!

Luca Biondi, 1^B

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>