logo

EDITORIALE

Eccoci qua, ormai nell’anno scolastico 2018-2019, pronti a ricominciare a scrivere articoli per il nostro giornalino on line, anche se con un po’ di ritardo e la primavera è già arrivata.
Noi siamo sempre qua, ancora ospiti nei locali della scuola primaria e in attesa che venga costruita la nuova sede della scuola media. In realtà, poco tempo fa è stato inaugurato un modulo che ci è stato donato dopo il terremoto, dove abbiamo a disposizione un laboratorio informatico ed uno scientifico, che per fortuna ci consentono di avere qualche spazio in più a disposizione per le nostre attività didattiche.
In redazione ci siamo noi dell’attività alternativa all’IRC (classi 1^C e 1^D), ma chiunque tra i banchi della nostra scuola può contattarci e chiederci di collaborare scrivendo un suo articolo, che saremo ben lieti di pubblicare.
Noi siamo pieni di molte idee da tradurre in notizie che intendiamo proporvi. Speriamo che queste vi piacciano, perché ci abbiamo lavorato con tanta passione e impegno, e che interveniate numerosi con i vostri commenti.
Tasnim Khoulkhal e Giulio Cai

Attualmente

attualmente

Alunni in azione

alunni in azione

Vi racconto

vi_racconto

Le prime rime

le_prime_rime

Piccoli grandi lettori

piccoli_grandi_lettori

Scendiamo in campo

Mi piace ascoltare

mi piace ascoltare

Si parte!

si parte

Ridiamoci su

ridiamoci_su

Addio Monte Urano

Monte Urano, 10 aprile 2019

Caro diario,

oggi è il mio ultimo giorno come cittadino monturanese. Vorrei salutare tutto ciò che ha riguardato il mio piccolo mondo fino a poco tempo fa e svelarti quello che provo. Monte Urano è sempre stato il mio punto di […]

Un grido nella notte

Improvvisamente si ode il rombo di un motore: un’auto imbocca una viuzza ghiaiosa, fino a raggiungere l’antico portone di un castello diroccato.

Ecco aprirsi lo sportello. Due scuri scarponi toccano terra provocando un leggero scalpiccio tra i ciottoli rocciosi. Sulla parete frontale del maniero appare il riflesso di un’ombra che, d’un tratto, scompare dietro lo […]

La bambina misteriosa

In un quartiere periferico di Parigi, durante una tranquilla sera d’ estate, dei ragazzini stavano giocando a nascondino in un parco appartato.

Il più grande, Laurent, contava velocemente fino a cinquanta, appoggiato ad un secolare albero di quercia, mentre i suoi amici scappavano per garantirsi un nascondiglio sicuro.

Uno dei ragazzi, Charle, pensava:”Dove potrò mai […]

Strani equivoci

I miei genitori vivono a Monte Urano da circa tredici anni. Mia madre mi ha raccontato che, appena trasferiti, un’anziana vicina di casa le disse: << Che bella “vardascia”!>>.

“Vardascia” nel Sud assume il significato di “una poco di buono”, perciò incredula e infastidita la guardò dicendo : << Se io sono una “vardascia”, lei […]

Zittonia o Parlonia?

Vivo in una città molto particolare, forse anche troppo. Il suo nome è Zittonia, in senso ironico ovviamente. È l’esatto contrario: tutti parlano, anche in situazioni che non lo richiedono. Basti pensare che ad ogni funerale il morto si tappa le orecchie. Una volta arrivarono due turisti che, vedendo il nome, pensavano di […]

Se potessi essere un fantasma…

Se la notte potessi diventare un fantasma sarebbe sicuramente un’esperienza fantastica!

Andrei tutte le sere dai miei nonni, in Puglia, per abbracciarli e dar loro il bacio della buonanotte, naturalmente senza spaventarli!

Visiterei la luna per osservarla in tutti i suoi particolari, approfitterei della situazione per estrarne un campione […]

Il vampiro assassino …ritorna!!

Dopo quei terribili eventi che mi erano accaduti, ero tornato in Italia. Per lunghi mesi avevo dovuto frequentare il mio psicologo, dato che avevo subito un trauma molto pesante. Ormai però ero tornato come prima, sempre con il sorriso stampato sulla faccia, pertanto avevo ricominciato una vita normale, mi sentivo spesso con gli […]

Il vampiro assassino

Non ho mai creduto alle storie horror, ma da quando ho vissuto un’esperienza orrenda ho iniziato a farlo.

[…]

La cripta dell’orrore

Pioveva tantissimo. Era una vera e propria bomba d’acqua ed io ero completamente inzuppato. Ero disperso nella campagna toscana, precisamente nella provincia di Pisa. Non sapevo dove trovare riparo, oltre alla mia vecchia Opel Astra. Qualcuno bussò al finestrino dell’auto: un signore anziano sui sessant’anni mi chiedeva cosa stessi facendo e se cercassi […]

Quando il lupo non è cattivo

C’era una volta una bambina tanto cattiva e perfida che, solo a vederla, tutti scappavano via.

Una volta la nonna le regalò un cappuccio di velluto rosso e da allora tutti la chiamarono Cappuccetto Rosso.

Un giorno sua madre le disse: “Vieni qui, Cappuccetto Rosso, ci sono una bella […]

L’unione fa la forza

“Driiiiin!” Suona la prima campanella ed entra la professoressa di italiano con a fianco un bambino.

“Buongiorno! Lui è Pavel. Si è trasferito nella nostra città da un Paese lontano, quindi non parla ancora bene la nostra lingua” annuncia .

Tutta la classe punta gli occhi su di lui. Vedono un ragazzino alto e […]

I quattro (!!) porcellini

C’era una volta una famiglia di maiali costituita da sei membri: un papà, una mamma e quattro porcellini.

A quel tempo il cibo scarseggiava, perciò, non potendo più sfamare i propri figli, i genitori a malincuore decisero di farli partire in cerca di una vita migliore.

[…]

Cappuccetto Rosso al contrario

C’era una volta una bambina brutta e perfida come poche .

La mamma, che non la sopportava più, decise di liberarsene, mandandola nel bosco con un cestino da portare alla nonna e sperando che qualche bestia se la mangiasse .

[…]

Cappuccetto 2.0

C’era una volta una ragazza di nome Alessia, soprannominata Cappuccetto.Net perché navigava 24 ore su 24 in Internet e considerava i suoi computer come dei figli.

Dedicava ogni singolo minuto della sua vita a chattare sui social-network per essere sempre aggiornata.

Il suo social preferito era Facebook, perché le permetteva di conoscere […]