logo

EDITORIALE

Eccoci qua, ormai nell’anno scolastico 2018-2019, pronti a ricominciare a scrivere articoli per il nostro giornalino on line, anche se con un po’ di ritardo e la primavera è già arrivata.
Noi siamo sempre qua, ancora ospiti nei locali della scuola primaria e in attesa che venga costruita la nuova sede della scuola media. In realtà, poco tempo fa è stato inaugurato un modulo che ci è stato donato dopo il terremoto, dove abbiamo a disposizione un laboratorio informatico ed uno scientifico, che per fortuna ci consentono di avere qualche spazio in più a disposizione per le nostre attività didattiche.
In redazione ci siamo noi dell’attività alternativa all’IRC (classi 1^C e 1^D), ma chiunque tra i banchi della nostra scuola può contattarci e chiederci di collaborare scrivendo un suo articolo, che saremo ben lieti di pubblicare.
Noi siamo pieni di molte idee da tradurre in notizie che intendiamo proporvi. Speriamo che queste vi piacciano, perché ci abbiamo lavorato con tanta passione e impegno, e che interveniate numerosi con i vostri commenti.
Tasnim Khoulkhal e Giulio Cai

Attualmente

attualmente

Alunni in azione

alunni in azione

Vi racconto

vi_racconto

Le prime rime

le_prime_rime

Piccoli grandi lettori

piccoli_grandi_lettori

Scendiamo in campo

Mi piace ascoltare

mi piace ascoltare

Si parte!

si parte

Ridiamoci su

ridiamoci_su

Le sneakers di Vanessa

vanessa

Il Calzaturificio Vanessa Creazioni di Marziali Vanessa ha sede a Monte Urano, in Via Alpi. La titolare ha occhi vispi, capelli turchini e idee originali. Ha lanciato una nuova sfida insieme a sua sorella Paola, che lavora presso la Teknochim di Monte San Giusto: una linea interessante di sneakers. Sono calzature fatte a mano, personalizzate, dai colori più diversi, ma soprattutto rispettose dell’ambiente, eco-sostenibili.

Prosegui la lettura di Le sneakers di Vanessa

Addio Monte Urano

Monte Urano

Monte Urano,  10 aprile 2019

Caro diario,

oggi è il mio ultimo giorno come cittadino monturanese. Vorrei salutare tutto ciò che ha riguardato il mio piccolo mondo fino a poco tempo fa e svelarti quello che provo. Monte Urano è sempre stato il mio punto di riferimento, il mio punto di partenza per ogni cosa. Ci faccio caso solo ora.

Prosegui la lettura di Addio Monte Urano

Manuel: un esempio per tutti noi

bortuzzo vio-k3pG-U32022473726350PC-620x349@Gazzetta-Web_articoloIl 3 febbraio 2019 un giovane 19enne, Manuel Bortuzzo, promessa del nuoto italiano, è stato colpito da un sparo di pistola esploso da due pusher all’Axa Casal Palocco, un quartiere di Roma, dove si stava allenando per una gara di nuoto.

Era mezzanotte e insieme a un suo amico erano in motorino, quando dei ragazzi lungo la strada hanno iniziato a insultarlo e dopo poco Manuel è stato colpito, anche se si è trattato di uno scambio di persona. Prosegui la lettura di Manuel: un esempio per tutti noi

Basta attentati!

Un pomeriggio dello scorso 15 gennaio un gruppo di terroristi di al-ShabaabAttentato Nairobi ha assaltato un albergo di lusso di Nairobi, in Kenya, uccidendo 15 persone e ferendone altre 30, per lo più turisti e uomini d’affari.

Il gruppo terroristico somalo sostiene attivamente di combattere un nemico globale identificabile con l’Occidente e le popolazioni che non professano il credo musulmano.

Prosegui la lettura di Basta attentati!

Gli oceani si stanno riscaldando troppo?

riscaldamento-globale

L’aumento del volume dei mari e degli oceani è dovuto alla dilatazione termica dell’acqua, che nei prossimi anni crescerà ancora di 30 centimetri.
Le condizioni climatiche sono peggiorate dall’ultima analisi fatta dagli studiosi e la temperatura delle acque purtroppo si alzerà alla fine del secolo.

Prosegui la lettura di Gli oceani si stanno riscaldando troppo?

Uscita didattica all’Azienda Centanni

Uscita Centanni ok

Nel bel mezzo delle colline di Montefiore dell’Aso si trova un’azienda con più di cento anni di gestione familiare.

Si tratta dell’azienda Centanni, specializzata nella produzione di vini della nostra fantastica regione: le Marche.

Noi ragazzi della 2°A, il 28 Febbraio 2018, ci siamo recati a Montefiore per continuare un progetto cominciato in prima media :“Vado a vivere in campagna”. Ad accompagnarci la prof.ssa Giacopetti,  la coordinatrice di questo progetto, l’immancabile e mitico prof. Marziali e la prof.ssa Sacchi.

Prosegui la lettura di Uscita didattica all’Azienda Centanni

“Vado a vivere in campagna”

Progetto realizzato dai ragazzi della 2^A coordinati dalle prof.sse Maria Facenna e Anna Maria Giacopetti

vado-a-vivere-in-campagna-1parte

 Una recente indagine della Coldiretti sull’occupazione giovanile nel settore agricolo ha rilevato che il 2017 è stato un anno record per la nascita di imprese agricole “under 35”. Le aziende giovani posseggono il 54% di terra in più della media degli altri agricoltori, hanno un fatturato più elevato del 75% rispetto alle altre e il 50% di occupati in più. «L’Italia – sottolinea la Coldiretti – è leader in Europa nel numero di giovani in agricoltura, per il crescente interesse delle nuove generazioni per il lavoro in campagna, dove hanno portato profonde innovazioni con multi-attività che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agri-asilo e altro ancora».

Prosegui la lettura di “Vado a vivere in campagna”

Amicizia

amicizia 

L’amicizia è meravigliosa

è una corrente di emozioni contagiosa

L’amicizia sconfigge ogni paura

dentro il suo vortice ti cattura

Amicizia significa confidenza

e nel tuo cuore vivi ogni giorno un’esperienza

Alessia Murataj (2^ B)

 

Un grido nella notte

ManorImprovvisamente si ode il rombo di un motore: un’auto imbocca una viuzza ghiaiosa, fino a raggiungere l’antico portone di un castello diroccato.

Ecco aprirsi lo sportello. Due scuri scarponi toccano terra provocando un leggero scalpiccio tra i ciottoli rocciosi. Sulla parete frontale del maniero appare il riflesso di un’ombra che, d’un tratto, scompare dietro lo scuro veicolo. È una figura esile, dall’altezza non ben definita, ormai prossima al grande portone. Sta per afferrare il battente …un ritocco, due rintocchi e la porta si apre, accompagnata da uno stridío agghiacciante, ma sull’uscio non si scorge nessuno.

Prosegui la lettura di Un grido nella notte

La bambina misteriosa

bambinaIn un quartiere periferico di Parigi, durante una tranquilla sera d’ estate, dei ragazzini stavano giocando a nascondino in un parco appartato.

Il più grande, Laurent, contava velocemente fino a cinquanta, appoggiato ad un secolare albero di quercia, mentre i suoi amici scappavano per garantirsi un nascondiglio sicuro.

Uno dei ragazzi, Charle, pensava:”Dove potrò mai nascondermi? I posti migliori sono già stati occupati !”.

Prosegui la lettura di La bambina misteriosa

Gita a Mantova

Mantova

 

Noi ragazzi delle classi seconde A e C della Scuola Secondaria di primo grado, il 4 e 5 Aprile, siamo stati i protagonisti di una fantastica gita a Mantova.

Prosegui la lettura di Gita a Mantova

Visita al pastificio “De Carlonis” di Campofilone

DE Carlonis

Mercoledì 22 Marzo 2017 noi alunni delle classi 2A – 2C, insieme ai prof. Renzi,Giacopetti e Marziali, ci siamo recati al Pastificio “De Carlonis” di Campofilone.

Arrivati, il signor Paolo De Carlonis ed un’operaia ci hanno accolti calorosamente e ci hanno brevemente raccontato la storia di questa azienda, ormai riconosciuta in tutto il mondo per la sua produzione di Maccheroncini.

Prosegui la lettura di Visita al pastificio “De Carlonis” di Campofilone

Gita a Orvieto e Bomarzo

 20170420_164832

Il venti aprile tutte e tre le classi prime della scuola secondaria di primo grado di Monte Urano sono partite per visitare la città di Orvieto, in Umbria e il giardino di Bomarzo denominato “Parco dei Mostri” situato nel Lazio.

Ci siamo ritrovati tutti nello spiazzale dei parcheggi di Monte Urano alle ore 5:45 per poi partire alle ore 6:10 con un autobus a due piani. Durante il viaggio, che è durato più di due ore, non ci siamo per niente annoiati poiché abbiamo giocato, scherzato e dormito.

Prosegui la lettura di Gita a Orvieto e Bomarzo

Gessica, un esempio da seguire

Notaro

La sera del 10 gennaio la giovane Gessica Notaro, già finalista di Miss Italia, era stata aggredita con l’acido dal suo ex fidanzato, Edson Tavares, che l’aspettava fuori dalla sua abitazioni a Rimini. Un gesto indelebile che l’aveva colpita non solo nell’aspetto fisico ma anche e soprattutto interiormente.

Uscita dall’ospedale dopo due mesi, nel corso dei quali ha subito diversi interventi per la sostituzione di alcune parti di pelle sul volto e all’occhio rimasto gravemente danneggiato, ha voluto esserci al processo contro il suo aggressore.

Prosegui la lettura di Gessica, un esempio da seguire